Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2014 February;149(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2014 February;149(1):47-54

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  AGGIORNAMENTI DI TRICOLOGIA 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2014 February;149(1):47-54

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Telogen effluvium rivisitato

Rebora A.

University of Genoa, Genoa, Italy


PDF


Il telogen effluvium (TE) è un disturbo eterogeneo, classificabile in tre categorie principali: teloptosi prematura, teloptosi collettiva ed entrata prematura in telogen. L’ultima categoria può essere suddivisa in tre tipologie: TE farmaco-indotto, TE riconducibile a carenze alimentari e TE “autoimmune”. Nonostante tale eterogeneità, la maggior parte dei casi di TE che giungono all’osservazione del dermatologo appartengono alla tipologia autoimmune, caratterizzata da una presentazione standard. Il classico paziente è una donna che riporta di avere avuto sempre molti capelli, e di come questi improvvisamente siano iniziati a cadere “a ciocche”. In genere, la paziente è precisa in merito alla data di insorgenza della perdita di capelli, è in buona salute e non mostra segni di anoressia o carenze nutritive. La paziente ammette di essere stata in uno stato di ansia per alcuni mesi, e di avere avvertito, occasionalmente o meno, una sensazione di dolore o bruciore a livello del cuoio capelluto (tricodinia). In genere, il decorso del disturbo è cronico ma intermittente, con remissioni evidenti intervallate da recidive irregolari. I capelli caduti non mostrano radici in telogen, ma soprattutto esogene. Tale entità distinta condivide alcune analogie con l’alopecia areata, incluso il ruolo scatenante dello stress emotivo, la tricodinia e la frequente associazione con la tiroidite di Hashimoto. Vengono descritti diversi metodi per valutarne la gravità e monitorare il trattamento. In assenza di un’eziopatogenesi documentata, non può essere avvallato alcun trattamento specifico, ma si può tentare un ciclo di corticosteroidi topici.

inizio pagina