Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6):687-91

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6):687-91

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La jojoba in dermatologia: una breve review

Pazyar N., Yaghoobi R., Ghassemi M. R., Kazerouni A., Rafeie E., Jamshydian N.

Department of Dermatology, Jundishapur University of Medical Sciences, Ahvaz, Iran


PDF


La fitoterapia è utilizzata efficacemente in ambito dermatologico da migliaia di anni. La jojoba (simmondsia chinensis) è una pianta perenne, longeva e resistente alla siccità che possiede un interessante valore economico quando viene lavorata per la produzione della cera liquida. La pianta di jojoba produce esteri di alcoli e acidi grassi a catena lunga (cere) come riserva energetica lipidica sotto forma di semi. La cera liquida è un sostrato importante per numerose applicazioni industriali ed è utilizzata nei preparati per il trattamento cutaneo. L’olio derivante dalla pianta di jojoba è la principale fonte biologica di esteri della cera e possiede una molteplicità di potenziali applicazioni. La presente review della letteratura suggerisce come la jojoba possieda un effetto antinfiammatorio e possa essere utilizzata nel trattamento di numerose condizioni cutanee, tra cui le infezioni cutanee, l’invecchiamento cutaneo e la guarigione delle ferite. Inoltre, è stato dimostrato come la jojoba rivesta un ruolo nelle formulazioni cosmetiche come i filtri solari e le creme idratanti e sia in grado di potenziare anche l’assorbimento di farmaci per via topica. Obiettivo della presente review è stato quello di riassumere i dati concernenti gli utilizzi della jojoba in ambito dermatologico per i lettori e i ricercatori.

inizio pagina