Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 August;148(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 August;148(4):351-70

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  PANNICULITE: LO SPETTRO DELLE DIAGNOSI E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 August;148(4):351-70

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Panniculite, un approccio algoritmico

Zelger B.

Dermatohistopathological Laboratory Department of Dermatology and Venereology Medical University Innsbruck, Innsbruck, Austria


PDF


Il problema delle malattie infiammatorie sottocutanee e delle loro manifestazioni è in genere considerato un settore difficile della dermatopatologia. Tuttavia, secondo la mia esperienza, con biopsie appropriate e con una buona correlazione clinico-patologica, è in genere possibile eseguire una diagnosi specifica di panniculite. Pertanto, la conoscenza di alcuni essenziali problemi anatomici e patologici è di vitale importanza.
Dal punto di vista anatomico, il pannicolo adiposo è composto di lobuli adiposi imprigionati tra setti fibrosi. Dal punto di vista patologico, l’infiammazione del pannicolo è definita e riconosciuta da un processo infiammatorio che conduce al danno e alla necrosi tissutale. Vengono osservati numerosi tipi di necrosi adiposa: macrofagi xantomatosi nella necrosi lipofagica; necrosi adiposa granulare e micro-pseudocisti adipose nella necrosi adiposa liquefattiva; adipociti mummificati nella necrosi adiposa “ialinizzante” con/senza saponificazione e/o calcificazione; membrane ialine crenulate nella necrosi membranosa. In un approccio algoritmico, il riconoscimento di un processo infiammatorio caratterizzato da elementi come quelli sopramenzionati viene eseguito meglio in tre fasi: riconoscimento del pattern, riconoscimento del subpattern e infine riconoscimento della presenza e della composizione delle cellule infiammatorie. A piccolo ingrandimento, il pattern mostra una distribuzione prevalentemente settale o lobulare. Nella categoria del subpattern si ricerca la presenza o assenza di vasculite e, in caso di presenza, la dimensione e la natura del vaso sanguigno interessato: arteriole e piccole arterie o vene; capillari o venule post-capillari. Il terzo passo è quello di identificare la natura delle cellule presenti nell’infiltrato infiammatorio e, infine, osservare ulteriori caratteristiche istopatologiche che permettono una diagnosi finale specifica di panniculite nel linguaggio della dermatologia clinica.

inizio pagina