Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 June;147(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 June;147(3):321-4

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

CASI CLINICI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 June;147(3):321-4

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Bambino pretermine con emangiomatosi neonatale benigna e pervietà del dotto arterioso: una curiosa comorbidità

Lembo S., Balato A., Raimondo A., Donofrio P., Lembo C., Balato N.

Department of Dermatology, Federico II University of Naples, Naples, Italy


PDF


Una neonata prematura, nata pretermine a 33 settimane di gestazione con spontaneo parto vaginale, veniva dopo trenta giorni sottoposta ad intervento chirurgico per la perstistente pervietà del dotto arterioso. Dopo quattro mesi la neonata viene alla nostra osservazione per la comparsa di circa 13 emangiomi nodulari di diametro compreso tra 0.5 e 30mm localizzati a livello del cuoio capelluto, tronco, addome ed arti superiori. Esami di laboratorio e strumentali non mostravano un coinvolgimento degli organi interni. La nostra diagnosi era di emangiomatosi neonatale benigna. Emangiomatosi neonatale benigna è una condizione caratterizzata da multipli emangiomi congeniti interessanti solo la cute. L’incidenza nella popolazione neonatale è del circa 4% con un rapporto femmine maschi di 4:1. Gli emangiomi solitari sono più frequenti nei neonati prematuri con un incidenza inversamente proporzionale al peso alla nascita. Nonostante l’esatto meccanismo patogenetico non sia ancora conosciuto, i fattori di crescita angiogenetici sembrano svolgere un ruolo nella patogenesi degli emangiomi. L’alterata proliferazione potrebbe essere il risultato di un imbalance tra fattori angiogenetici positivi e negativi espressi dall’emangioma e dai normali tessuti circostanti. La pervietà del dotto arterioso è una frequente complicanza del pretermine. Durante l’immediato periodo postparto una serie di stimoli vasodilatanti e meccanismi di vasocostrizione facilitano la chiusura del dotto. Un imbalance tra questi stimoli, condizione legata alla prematurità, interrompe questo fisiologico processo lasciando il dotto pervio. Il nostro è il primo caso di emangiomatosi neonatale benigna associata a pervietà del dotto arterioso descritto in letteratura.

inizio pagina