Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 April;147(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 April;147(2):141-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  DERMATOSCOPIA 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 April;147(2):141-8

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Caratteristiche dermatoscopiche dei nevi comuni: una review

Kim J. K., Nelson K. C.

Department of Dermatology, Duke University Medical Center, Durham, NC, USA


PDF


La differenziazione tra lesioni melanocitiche benigne e preoccupanti può essere difficile in assenza di chiare caratteristiche cliniche in grado di definire una malignità cutanea. In tali situazioni, la dermatoscopia può essere utile nel definire ulteriormente le caratteristiche che sono più indicative di una lesione benigna, il che può in definitiva aiutare a evitare un’inutile biopsia. Il riconoscimento dei risultati dermatoscopici di nevi benigni, prendendo in considerazione il pattern di pigmentazione predominante e la sua organizzazione, potrebbe essere d’ausilio nella valutazione delle lesioni pigmentate. I nevi benigni tendono a essere simmetrici, di forma regolare e con strutture dermatoscopiche uniformi. Il presente articolo esamina le caratteristiche cliniche e dermatoscopiche dei nevi comuni acquisiti (cutanei, compositi e giunzionali), dei nevi blu e dei nevi congeniti.

inizio pagina