Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 February;147(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 February;147(1):65-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  NOVITÀ IN DERMATOLOGIA 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 February;147(1):65-9

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nuove acquisizioni sull’ipersensibilità allergica ritardata verso i corticosteroidi

Baeck M. 1, Goossens A. 2

1 Departement of Dermatology,, Saint-Luc University Clinic, Louvain Catholic University, Bruxelles, Belgium; 2 Departement of Dermatology, University Hospital, Leuven Catholic University Hospital, Leuven, Belgium


PDF


I corticosteroidi sono tra i farmaci più comunemente utilizzati sia per via topica sia per via sistemica. Anche se inattesa e paradossale, l’ipersensibilità allergica ai corticosteroidi è un risultato comune, in quanto reazioni di tipo ritardato sono molto più frequente di quelle di tipo immediato. Per quanto riguarda le reazioni crociate tra corticosteroidi, in base ai risultati dei patch test e alla modellistica molecolare, siamo stati recentemente in grado di semplificare la precedente classificazione in tre diversi gruppi Gruppo 1: molecole non metilato, il più delle volte non-alogenate (Gruppo A, D2 e budesonide) che producono la maggior parte delle reazioni allergiche; Gruppo 2: le molecole alogenate con una struttura C16/C17 cis chetale/diolo (acetonide Gruppo B); e Gruppo 3: le molecole alogenate e C16- metilate (Gruppo C e D1) che soltanto raramente producono reazioni allergiche.

inizio pagina