Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 April;145(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 April;145(2):213-19

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW  NEUROBIOLOGIA DELLA CUTE 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 April;145(2):213-19

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Stress e cute

Reich A., Wójcik-Maciejewicz A., Slominski A. T.

1 Department of Dermatology, Venereology and Allergology, Wroclaw Medical University, Wroclaw, Poland 2 Department of Pathology and Laboratory Medicine, University of Tennessee Health Science Center, Memphis, TN, USA


PDF


Lo stress emotivo può influire, svelare o addirittura esacerbare diversi disordini cutanei, tra cui la psoriasi, la dermatite atopica, il prurito, l’alopecia areata, il lichen planus, la dermatite seborroica, la rosacea o l’orticaria, sebbene il collegamento fisiopatologico diretto tra i fattori di stress e la manifestazione della patologia cutanea rimanga sconosciuto. Tuttavia, vi è una crescente evidenza, secondo cui lo stress influenza i processi patologici e contribuisce all’infiammazione attraverso la modulazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene ed al rilascio di neuropeptidi, di neurotrofine, di linfochine e di altri mediatori chimici dalle terminazioni nervose e dalle cellule del derma. Il ruolo centrale nella reattività cellulare cutanea a diversi fattori stressanti potrebbe essere attribuibile alle cellule mastocitarie del derma, poiché esse presentano strette connessioni con le terminazioni nervose sensitive e rilasciano un vasto numero di mediatori pro-infiammatori. Tuttavia, anche molte altre cellule prendono parte attivamente alla risposta cutanea allo stress. Sebbene la nostra conoscenza a tal riguardo sia ancora incompleta, ciò che ormai è diventato chiaro è che la cute, il sistema endocrino, nervoso e immunitario non possono più essere considerati separatamente, bensì devono essere considerati come parte di un complesso multidirezionale, di cui si conosce ancora poco la natura delle interazioni.

inizio pagina