Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 December;144(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 December;144(6):629-38

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW  ACNE E ROSACEA: UN AGGIORNAMENTO NEL 2009 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 December;144(6):629-38

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Applicabilità clinica di un laser a diodi con lunghezza d’onda di 1450 nm come trattamento aggiuntivo dell’acne refrattario

Astner S.

Department of Dermatology, Charité University Medicine Berlin, Berlin, Germany


PDF


L’acne rappresenta una patologia multifattoriale delle unità pilosebacee della faccia e del tronco, che affligge più frequentemente giovani adolescenti. L’acne rappresenta tuttora il più frequente motivo di consulenza dermatologica e nonostante regimi di trattamento multi-modali aggressivi, numerosi pazienti presentano una scarsa risposta clinica. Diversi studi recentemente pubblicati hanno valutato il ruolo del laser e della foto-terapia nel trattamento dell’acne vulgaris, con risultati clinici variabili. Tra questi trattamenti proposti, un laser a diodi con lunghezza d’onda di 1450 nm si è dimostrato in grado di migliorare l’acne refrattario in ambito clinico. L’obiettivo di questo manoscritto è di analizzare i dati attualmente disponibili in Letteratura, con particolare valutazione critica dei laser mid-infrarosso come fattore aggiuntivo nel trattamento dell’acne.

inizio pagina