Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 April;144(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 April;144(2):149-55

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  WHAT’S NEW IN 2009 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 April;144(2):149-55

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Lentigo maligna: concetti attuali nella diagnosi e nella

Walling H. W.

Town Square Dermatology, Coralville, IA, USA


PDF


La lentigo maligna (LM) è un tumore cutaneo che presenta un’incidenza in aumento e che ha un rischio significativo di morbidità. La diagnosi precoce di LM richiede un alto indice di sospetto a causa dei segni spesso sottilmente atipici delle lesioni pigmentate che compaiono su una cute danneggiata dal sole. Il medico ha a disposizione una varietà di trattamenti. Le opzioni chirurgiche comprendono l’asportazione semplice e le tecniche con margini controllati, quali l’asportazione stadiata e la chirurgia micrografica di Mohs. Il tessuto asportato può essere asportato verticalmente o orizzontalmente e le sezioni processate dopo congelamento e immersione in paraffina. Le opzioni distruttive comprendono la radioterapia, la crioterapia, il curettage e la elettrodistruzione. La terapia topica può essere appropriata in casi selezionati; l’immunoterapia con imiquimod topico può essere vantaggiosa rispetto ad altri agenti topici. La possibilità di una terapia risolutiva è massimizzata dal trattamento chirurgico. La chirurgia del margine controllato offre il maggior taso di guarigione, minimizzando la perdita di tessuto normale.

inizio pagina