Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 February;144(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 February;144(1):79-83

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEW   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 February;144(1):79-83

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento fotodinamico nelle infezioni cutanee virali

Rossi R., Bruscino N., Ricceri F., Grazzini M., Dindelli M., Lotti T.

Cluster Dermatologic Department II University of Florence School of Medicine, Florence, Italy


PDF


La terapia fotodinamica (ALA/MAL-PDT) è largamente utilizzata nel trattamento delle cheratosi attiniche, dei carcinomi basocellulari superficiali e nodulari e della malattia di Bowen; ci sono prove secondo le quali la PDT può agire anche su batteri,virus e funghi. Infatti le nuove indicazioni riguardo la PDT comprendono vari tipi d’infezioni cutanee virali human papilloma virus (HPV) collegate quali le verruche comuni dei piedi e delle mani, i condilomi acuminati, le verruche periungueali, l’epidermodisplasia verruciforme; ma anche lesioni cutanee non HPV correlate come il mollusco contagioso o l’herpes simplex possono essere efficacemente trattati. L’uso della PDT nelle lesioni da HPV è dovuto alla sue capacità antinfiammatorie e soprattutto antiproliferative: a livello delle lesioni trattate c’è un rilascio di radicali citotossici che danneggiano i cheratinociti infettati dal Papillomavirus, causandone l’apoptosi e la necrosi. Il trattamento di queste lesioni con la PDT si è dimostrato sicuro ed efficace; nei confronti delle tecniche tradizionali la PDT comporta meno effetti collaterali e recidive meno frequenti, ma la caratteristica più importante è che non è invasiva, questo significa un rischio infettivo ridotto ed eccellenti risultati estetici.

inizio pagina