Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 December;139(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 December;139(6):515-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 December;139(6):515-9

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Calcinosi scrotale: uno studio istopatologico e una revisione della letteratura

Mohan H. 1, Aggarwal R. 1, Tahlan A. 1, Thami G. P. 2

1 Department of Pathology Govt. Medical College, Chandigarh, India 2 Department of Dermatology and Venereology Govt. Medical College, Chandigarh, India


PDF


Obiettivo. La calcinosi scrotale è una condizione poco comune, caratterizzata da noduli fissi, non dolorosi che possono essere singoli o multipli. L’eziopatogenesi della calcinosi è oggetto di discussione. Alcuni Autori pensano che derivi da una calcificazione distrofica di cisti epidermiche/pilari o da un milio dei dotti delle ghiandole eccrine, mentre altri ritengono che sia idiopatica.
Metodi. In questo studio vengono presentati 14 casi di calcinosi scrotale osservati tra gennaio 1994 e maggio 2002. Tutti i pazienti avevano noduli scrotali fissi, palpabili, giallo-biancastri, con diagnosi clinica di cisti sebacea o calcinosi dello scroto.
Risultati. In 3 casi il contenuto calcificato era circondato da un ben definito rivestimento epiteliale, o presentava tracce di esso. Nei restanti casi la cisti consisteva di materiale cheratinoso calcificato in toto o in parte, senza rivestimento epiteliale. Quest’ultimo probabilmente era scomparso nel tempo.
Conclusioni. Circa l’eziologia della calcinosi scrotale noi propendiamo per la calcificazione distrofica delle cisti, sia epidermiche che pilari.

inizio pagina