Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 June;138(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 June;138(3):247-50

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

CASI CLINICI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 June;138(3):247-50

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Imiquimod: un ruolo nel trattamento topico della epidermodisplasia verruciforme?

Gisondi P. 1, Giordano G. 2, Bignardi L. 3, Gasperini M. 1, Zendri E. 1, Bassissi P. 1, De Panfilis G. 1

1 Sezione di Dermatologia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Università degli Studi di Parma, Parma 2 Sezione di Anatomia e Istologia Patologica Dipartimento di Medicina di Laboratorio Università degli Studi di Parma, Parma 3 Sezione di Nefrologia e Scienze della Prevenzione Dipartimento di Clinica Medica Università degli Studi di Parma, Parma


PDF


Questo studio ha come obiettivo la valutazione dell’efficacia di imiquimod, farmaco capace di potenziare l’attività antivirale cellulo-mediata, nella terapia topica della epidermodisplasia verruciforme (EV), condizione, come è noto, HPV-mediata. Tale farmaco non era mai stato utilizzato, prima d’ora, nella terapia delle lesioni cutanee della EV.
Gli Autori presentano una paziente di 52 anni, affetta da una forma di EV associata a trapianto renale, trattata mediante applicazioni, a giorni alterni, in medicazione occlusiva, di imiquimod su alcune lesioni della coscia sinistra, per un periodo di 3 mesi.
A fine trattamento si è potuto riscontrare un discreto miglioramento delle lesioni cutanee trattate.
In conclusione, l’imiquimod è in grado di indurre una regressione parziale delle lesioni cutanee della EV, sebbene il suo impiego sia stato riconosciuto ufficialmente soltanto per il trattamento dei condilomi ano-genitali

inizio pagina