Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 December;135(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 December;135(6):735-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 December;135(6):735-7

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Dermatite flagellata e iperpigmentazione longitudinale a banda ungueale indotta da trattamento chemioterapico (Descrizione di un caso)

Quaglino P., Savoia P., Verrone A.

Università degli Studi - Torino I Clinica Dermatologica


PDF


La comparsa di lesioni iperpigmentate è un evento di frequente riscontro in pazienti sottoposti a trattamento con farmaci chemioterapici antineoplastici; tuttavia, in molti casi, l’utilizzo di schemi terapeutici che comprendono l’associazione di diversi farmaci, non rende agevole individuare la molecola effettivamente responsabile delle lesioni. Riportiamo il caso di una paziente affetta da linfoma non-Hodgkin a piccole e medie cellule T, con coinvolgimento splenico e linfonodale, sottoposta a trattamento polichemioterapico secondo il protocollo CHOP-Bleo (ciclofosfamide, adriamicina, vincristina, prednisone e bleomicina), in cui si è osservata la comparsa di lesioni iperpigmentate al tronco di aspetto flagellato associate ad una iperpigmentazione ungueale a banda. La dermatite flagellata è generalmente associata all’impiego della bleomicina; la pigmentazione ungueale può essere correlata alla somministrazione sia della ciclofosfamide, sia della bleomicina o dell’adriamicina.

inizio pagina