Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 June;135(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 June;135(3):329-37

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 June;135(3):329-37

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Neoplasie maligne non epiteliali del pene

Micali G., Nasca M. R., Dinotta F., Impallomeni R.

From the Clinica Dermatologica Università degli Studi, Catania


PDF


In base alla loro origine e alle loro caratteristiche istologiche, i tumori primari maligni del pene possono essere classificati in tumori di origine epiteliale, tumori originanti dall’uretra e tumori dei tessuti molli. Oltre a quelli di origine epiteliale, peraltro i più frequenti, i tumori maligni del pene di maggior interesse dermatologico sono rappresentati dal melanoma e dai tumori dei tessuti molli. Questi ultimi a seconda della loro istogenesi, mostrano caratteristiche cliniche e prognostiche differenti e sono comunemente distinti in sarcomi di derivazione dalle cellule muscolari, dai fibroblasti e dalle cellule vascolari. È pertanto importantissimo eseguire tempestivamente un prelievo bioptico con esame istologico onde inquadrare la neoplasia e pianificare il trattamento più adeguato. L’approccio terapeutico è spesso difficoltoso, in quanto, a causa della rarità di tali tumori non esiste un’ampia casistica di pazienti né follow-up a lungo termine, cosicché non sono disponibili né sistemi di stadiazione né linee guida standardizzate a fini diagnostici e terapeutici.

inizio pagina