Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2):271-5

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI SPECIALI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2):271-5

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Cause e terapie delle malattie cutanee nella tradizione popolare

Caprio F., Bonifazi E.

Università degli Studi - Bari Cattedra di Dermatologia Pediatrica


PDF


La pratica medica per secoli ha dovuto fare i conti con la limitatezza delle proprie conoscenze. Tale vuoto scientifico è stato colmato, nella cultura popolare, ricorrendo a «succedanei» del medico (guaritori, maghi, preti) e affidandosi a rimedi più o meno empirici o a riti magico-religiosi. L’approccio popolare alla terapia dermatologica si articola secondo tre principali orientamenti: 1- applicazione di sostanze, cui si attribuisce una più o meno specifica attività terapeutica; 2- attesa che si compia il decorso spontaneo della malattia, dettata dal pregiudizio per cui la dermatosi è considerata la valvola di sfogo di un problema internistico; 3- ricorso a pratiche rituali o allegoriche, basate sulla consapevolezza dell’effetto suggestivo di parole e comportamenti inusuali, specie se gestiti da un «esperto». In quest’articolo si citano rimedi e pratiche di dermatologia popolare in uso nel territorio italiano, di cui ancora oggi alcuni residui possono riscontrarsi in particolari nicchie socio-geografiche, talora sotto forma di proverbi.

inizio pagina