Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2):253-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NOTE DI TERAPIA   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2):253-8

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione dell’efficacia dell’acqua della fonte termale di Comano versus acqua di acquedotto nella cura delle dermatiti eczematose

Zumiani G., Zanoni M. *, Agostini G. **

Ospedale S. Maria del Carmine - Rovereto (Trento) U. O. Dermatologia * Servizi Sanitari Terme di Comano - Comano (Trento) ** Università degli Studi - Pisa


PDF


Obiettivo. Presso le Terme di Comano (Trento) dall’aprile all’ottobre 1998 si è eseguita una sperimentazione clinica controllata, randomizzata in doppio cieco su 50 pazienti affetti da dermatite eczematosa (dermatite atopica e dermatite da contatto). La sperimentazione risponde a precisa richiesta del Ministero della Sanità come da art. 2 D.M. 15-12-1994.
Metodi. Il trattamento prevedeva un ciclo di 12 bagni con acqua termale di Comano versus acqua di acquedotto in condizioni standard di temperatura e per ritmo di esecuzione. Il reclutamento dei pazienti avveniva presso le Terme di Comano, nel rispetto dei criteri di inclusione e prevedeva un consenso informato scritto. La valutazione dell’efficacia clinica era eseguita adottando un sistema numerico in grado di definire lo stato clinico nei tempi predeterminati, rispettivamente per le lesioni della fase acuta (vescicolazione-essudazione), intermedia (eritema-squamo-croste) e cronica (desquamazione-infiltrazione).
Risultati. La variazione percentuale positiva dell’indice di valutazione clinica risulta in media del 69,1% nei pazienti sottoposti a trattamento termale e del 29,7% nei pazienti trattati con acqua di acquedotto (differenza statisticamente significativa).
Nel gruppo trattato con balneoterapia termale, il 52% dei pazienti conseguiva un risultato ottimo, il 36% un risultato buono, soltanto il 12% dei pazienti non traeva vantaggio dal trattamento termale.
Il dato strumentale riguardava idratazione e sebometria rilevate prima ed 1 ora dopo il bagno. L’idratazione cutanea migliorava rapidamente durante la terapia termale, mentre non si sono registrate differenze nei due gruppi per la sebometria. Il prurito diminuiva in entrambi i gruppi, la differenza non era statisticamente significativa. Non si sono registrati effetti collaterali indesiderati.
Conclusioni. Tali risultati positivi evidenziano l’efficacia del trattamento termale di Comano nelle dermatiti eczematose.

inizio pagina