Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2):213-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 April;135(2):213-6

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Cisti epidermica con degenerazione poromatosa della parete (A proposito di un caso)

Passarini B., Bandini P., Lehmann J., Spettoli E.

Università degli Studi - Bologna Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Sezione di Clinica Dermatologica (Direttore: Prof. C. Varotti)


PDF


Gli Autori descrivono un insolito caso di degenerazione poromatosa della parete di una cisti epidermica.
Singolare era anche la sede del processo, a livello del ginocchio destro.
Tale formazione era insorta in una paziente quarantaquattrenne, di sesso femminile ed era lentamente cresciuta nell’arco di alcuni anni.
La lesione si presentava rilevata sul piano cutaneo, del colore della cute circostante, di 1,5 cm di diametro, asintomatica.
È stata asportata chirurgicamente, l’esame istologico ha evidenziato la presenza nel derma di una cisti epidermica dalla cui parete si estrofletteva una massa a limiti netti, costituita da cellule tumorali cuboidali, uniformi, con nucleo rotondo debolmente basofilo.
La diagnosi istologica è stata di poroma eccrino insorto sulla parete cistica.
Una spiegazione dell’insolita associazione poroma-cisti e della sede inusuale, può risiedere nel traumatismo, frequente a livello del ginocchio.
Le sollecitazioni meccaniche, infatti, sono riportate in letteratura come possibile causa di entrambi i processi (poroma eccrino-cisti epidermica).

inizio pagina