Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 February;134(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 February;134(1):67-72

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NOTE DI TERAPIA   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 February;134(1):67-72

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Effetti della prostaglandina PGE1 alfa-ciclodestrina sul microcircolo cutaneo. Valutazione flussimetrica e termografica

Distante F., Berardesca E., Miori L., Rabbiosi G.

Università degli Studi - Pavia, IRCCS Policlinico S. Matteo, Clinica Dermatologica


PDF


Obiettivo. In questo studio è stata valutata l’efficacia della PGE1 alfa-ciclodestrina nel migliorare la perfusione periferica in soggetti affetti da sclerosi sistemica progressiva con fenomeno di Raynaud e da ulcere arteriose degli arti inferiori.
Metodi. Hanno partecipato allo studio 16 soggetti; 13 affetti da sclerodermia e fenomeno di Raynaud; 3 affetti da ulcere arteriose degli arti inferiori. I soggetti sono stati trattati per 20 giorni con 60 µg/die di PGE1 alfa-ciclodestrina in soluzione fisiologica in infusione endovenosa. La perfusione degli arti è stata valutata mediante termografia a contatto con analisi d’immagine e velocimetria laser-Doppler con test dell’iperemia reattiva. Di questa sono stati valutati il flusso basale, l’area sottesa alla curva di massima vasodilatazione (AUC) e il picco di risposta.
Risultati. I risultati evidenziano un aumento statisticamente significativo della temperatura media degli arti, della AUC e della risposta massima al termine del trattamento. Il flusso basale, pur presentando un valore medio più elevato, non ha evidenziato miglioramenti statisticamente significativi.
Conclusioni. Si conclude che l’uso di questi preparati può essere un valido supporto nel trattamento di patologie cutanee con compromissione del circolo arterioso di varia natura. La sua azione sembra essere correlata ad una migliore modulazione del microcircolo in risposta agli stimoli neurovegetativi.

inizio pagina