Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 December;133(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 December;133(6):431-3

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 December;133(6):431-3

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Manifestazioni cutanee da corallo di fuoco

Bardazzi F., Fiorentini C., Landi C., Patrizi A.

Università degli Studi - Bologna, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Sezione di Dermatologia


PDF


Il corallo di fuoco (CF) è un celenterato dell’ordine milleporina. Le nematocisti rilasciano tossine che immediatamente dopo il contatto possono provocare 4 quadri clinico-evolutivi: l’orticaria acuta, l’eczema, la lesione nodulare e la dermatite lichenoide. La severità della reazione dipende dal numero delle nematocisti rilasciate, dalla tossicità del veleno e dalla suscettibilità individuale. Riguardo l’eziopatogenesi sembrano essere implicate reazioni allergiche di tipo I, di tipo IV e reazioni persistenti ritardate, oltre a meccanismi di tipo tossico. È importante quindi individuare i soggetti a rischio indagando un’eventuale predisposizione atopica.

inizio pagina