Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 October;133(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 October;133(5):333-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 October;133(5):333-6

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Isotretinoina ed acne grave: esperienza personale in tema di recidive dopo un lungo periodo di follow-up

Bettoli V., Lombardi A. R., Pazzaglia M., Virgili A.

Università degli Studi - Ferrara, Clinica Dermatologica


PDF


Introduzione. Gli Autori di questo studio si prefiggono l’obiettivo di apportare ulteriori dati sull’incidenza e sui fattori favorenti la comparsa delle recidive di acne dopo trattamento con isotretinoina e di migliorare l’impostazione del protocollo terapeutico rifacendosi al concetto di dose cumulativa totale (DCT).
Metodi. Questo studio è stato eseguito in 32 pazienti affetti da acne nodulo-cistica e/o conglobata trattati con isotretinoina per via orale. I risultati clinici ottenuti e le recidive dopo un lungo periodo di follow-up sono stati correlati con i dati della letteratura.
Risultati. Al termine del trattamento tutti i pazienti erano guariti. Durante il periodo di follow-up di 1-9 anni (media 5,2 anni) 7 dei 32 pazienti (22%) presentarono una recidiva. In base a recenti dati della letteratura è stata calcolata la dose cumulativa totale (DCT). Correlando quest’ultima con le recidive si è osservato che i pazienti che avevano assunto una DCT inferiore a 100 mg/kg presentavano recidive più precoci e gravi rispetto a quelli che avevano ricevuto una DCT compresa tra 100 e 150 mg/kg.
Conclusioni. Gli Autori sottolineano l’importanza del raggiungimento della DCT di almeno 100 mg/kg per ridurre frequenza e gravità delle recidive. La giovane età dei pazienti, la presenza di microcisti e di alterazioni ormonali nelle donne in accordo con la maggior parte degli Autori sono indicati come una possibile causa di aumentata incidenza di recidive.

inizio pagina