Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2015 August;28(4) > Chirurgia 2015 August;28(4):131-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Per citare questo articolo

CHIRURGIA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ORIGINAL ARTICLES  


Chirurgia 2015 August;28(4):131-6

Copyright © 2015 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Riconoscere e “salvare” le paratiroidi in corso di tiroidectomia totale: come fare? Studio intraoperatorio

Pronio A. 1, Coluzzi M. 1, Pannozzo C. 1, Piroli S. 1, De Luca A. 1, Mariani P. 1, Vestri A. 2, Montesani C. 1

1 Dipartimento di Chirurgia Generale “P. Stefanini”, “Sapienza” Università di Roma, Roma, Italia; 2 Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, “Sapienza” Università di Roma, Roma, Italia


PDF  


OBIETTIVO: La tiroidectomia totale è l’intervento chirurgico maggiormente realizzato per il trattamento della patologia tiroidea sia benigna che maligna. I rischi più rilevanti di questa chirurgia sono: la lesione del nervo ricorrente e l’asportazione accidentale di una o più ghiandole paratiroidi con ipoparatiroidismo secondario e ipocalcemia transitoria o definitiva. Per tale motivo presentiamo i dati di uno studio anatomo-chirurgico sulle ghiandole paratiroidi, che sono state sistematicamente ricercate e preparate in corso di tiroidectomia totale extra-capsulare per patologia tiroidea, allo scopo di ridurre al minimo le conseguenze legate all’ipoparatiroidismo per lesioni accidentali della paratiroidi.
METODI: Oggetto dello studio è un gruppo di 357 pazienti sottoposti a tiroidectomia totale dal 2002 al 2012, Nel corso dell’intervento, abbiamo sistematicamente ricercato le ghiandole paratiroidi e raccolto i dati relativi al numero, posizione, sede, simmetria, forma, colore, dimensioni e vascolarizzazione.
RISULTATI: Sono state individuate 1165 paratiroidi. la paratiroide più frequentemente repertata è stata la superiore destra (307 ghiandole, 27%) con sede posta nel 87% all’incrocio tra arteria tiroidea inferiore e ricorrente. La paratiroide inferiore ha una localizzazione più variabile rispetto alla superiore nel 67% in sede postero laterale. Nonostante la variabilità della sede anatomica delle paratiroidi, esse si dispongono prevalentemente in posizione simmetrica ai due lati del collo. Nei nostri pazienti non si è verificato alcun caso di ipoparatiroidismo permanente né lesioni ricorrenziali.
CONCLUSIONI: Solo un’accurata conoscenza dell’anatomia e una tecnica chirurgica rigorosa possono aiutare il chirurgo nel prevenire quella che è attualmente la complicanza più frequente nella chirurgica tiroide.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Pronio A, Coluzzi M, Pannozzo C, Piroli S, De Luca A, Mariani P, et al. Identifying and “managing” parathyroid glands during total thyroidectomy: what should be done? An intraoperative study. Chirurgia 2015 August;28(4):131-6. 

Corresponding author e-mail