Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 August;26(4) > Chirurgia 2013 August;26(4):295-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Chirurgia 2013 August;26(4):295-8

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Il sinus pilonidalis: nostro approccio e studio retrospettivo su 140 pazienti

Quarto G., Bucci L., Solimeno G., Furino E., Benassai G. L., Sivero L., Benassai G.

Department of General, Geriatric, Oncological Surgery and Advanced Technologies, “Federico II” University of Naples, Naples, Italy


PDF


Obiettivo. In questo lavoro abbiamo voluto stabilire se c’è un gold standard nel trattamento chirurgico del sinus pilonidalis.
Metodi. È stato condotto uno studio retrospettivo su una serie continua di 140 pazienti, trattati per sinus pilonidalis. Abbiamo diviso i pazienti in due gruppi in base al tipo di chiusura ottenuta. GRUPPO A (79 pz.): escissione e guarigione per seconda intenzione; Gruppo B (61 pz.): escissione e chiusura per prima intenzione con una personale tecnica tension-free.
Risultati. Nei pazienti del gruppo A, la guarigione si è ottenuta in un periodo medio di 41,2 giorni. In 56 pazienti del gruppo B, la guarigione si è ottenuta in un periodo medio di 13,1 giorni, senza deiscenza o suppurazione, con una ripresa del lavoro, in tutti i pazienti, entro 48 a 72 ore. Abbiamo notato un 2 tasso di recidiva anni di 2,5% nel gruppo A e del 5,3% nel gruppo B. L’analisi statistica ha mostrato che nel gruppo B è stata ottenuta una riduzione statisticamente significativa dei tempi di guarigione, senza differenze significative nei tassi di recidiva a 2 anni.
Conclusioni. Non vi è, ancora, una procedura chirurgica identificabile come gold standard nel trattamento del sinus pilonidalis, anche se la tecnica da Noi presentata, ha come vantaggio una riduzione globale dei tempi di guarigione.

inizio pagina