Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2013 April;26(2) > Chirurgia 2013 April;26(2):133-5

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

CASI CLINICI   

Chirurgia 2013 April;26(2):133-5

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trapianto renale da cadavere in un paziente con nefropatia da anemia falciforme secondaria alla malattia falciforme da HbSC

Giorgakis E., Cacciola R., Puliatti C.

Department of Transplantation and Vascular Access Surgery Royal London Hospital, Barts & The London NHS Trust London, UK


PDF


La malattia da emoglobina falciforme (hemoglobin sickle cell, HbSC) è responsabile del 20-30% delle anemie falciformi nella popolazione di origine africana. La nefropatia cronica è presente nel 30% di tali pazienti. Il trapianto renale mostra il miglior tasso di sopravvivenza a lungo termine nella nefropatia falciforme in stadio terminale. In tutto il mondo, è stato descritto uno scarso numero di trapianti renali in pazienti con HbSC. Il presente articolo descrive il caso di un paziente con nefropatia da HbSC in stadio terminale sottoposto a trapianto renale da un donatore a cuore fermo. È stata posta un’enfasi particolare sulla descrizione delle misure prese al fine di prevenire e ridurre gli effetti nocivi della falcizzazione nel periodo peri-trapianto.

inizio pagina