Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2009 June;22(3) > Chirurgia 2009 June;22(3):139-42

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Chirurgia 2009 June;22(3):139-42

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Analisi dell’attività di pronto soccorso nel politrauma e nel trauma maggiore. L’esperienza di un centro di riferimento regionale

Caiazzo P., Ricapito M., Lisanti F., Gaudino G., D’Adamo M. G., Pennacchio E., Arcieri R., Autilio M.

Unità Operativa Complessa di Pronto Soccorso e Medicina d’Accettazione e d’Urgenza Azienda Ospedaliera “S. Carlo”, Potenza, Italia


PDF


Dipartimenti di Emergenza e AccettazioneMetodi. Sono stati presi in considerazione per lo studio i pazienti con politraumi e traumi maggiori trattati dal gennaio al dicembre 2006.
Risultati. Sono stati trattati 211 pazienti, 178 uomini e 33 donne; età media 46,3 anni. Politraumi: 68; traumi maggiori 143. Sono inoltre riportate le cause degli infortuni, il mezzo di trasporto al PS, il tempo intercorso dall’arrivo del paziente all’avvio in Radiologia, l’ISS e il RTS, la mortalità. Conclusioni. È ormai indubbio e chiaramente dimostrato in diversi studi scientifici che l’approccio multidisciplinare al paziente politraumatizzato e con trauma maggiore, che si ottiene con l’esistenza del Trauma Team nei presidii di Pronto Soccorso, riesce a ridurre la percentuale di morti “evitabili” e le sequele invalidanti riportate.

inizio pagina