Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2006 December;19(6) > Chirurgia 2006 December;19(6):417-20

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Chirurgia 2006 December;19(6):417-20

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Screening con ecografia color-doppler per la prevenzione della trombosi venosa in 40 pazienti con cancro sottoposti ad impianto di un dispositivo port-a-cath

Sarzo G. 1, Finco C. 1, Luongo B. 1, Savastano S. 1, Vecchiato M. 1, Degregori S. 1, Caruso V. 1, Avruscio G. 2, Ceccato F. 2, Cartei G. 3, Merigliano S. 1

1 Department of Medical and Surgical Sciences 3rd General Surgery Clinic Coloproctology Unit “S. Antonio” Hospital, University of Padua, Padua, Italy 2 Day Hospital and Angiology Service “S. Antonio” Hospital, Padua, Padua, Italy 3 Unit of Medical Oncology Veneto Oncological Institute Busonera Hospital, Padua, Italy


PDF


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio prospettico è quello di valutare l’efficacia dell’ecografia color-doppler per la prevenzione della trombosi venosa in 40 pazienti con cancro portatori di un dispositivo port-a-cath.
Metodi. Abbiamo selezionato due gruppi di pazienti con cancro portatori di un dispositivo port-a-cath: il gruppo 1 era costituito da 20 pazienti sottoposti a screening dei vasi del collo con ecografia color-doppler eseguita nel periodo pre-operatorio e ogni 15 giorni sino a raggiungere il terzo mese dall’impianto del dispositivo. Il gruppo 2 era costituito da 20 pazienti sottoposti a screening con ecografia color-doppler nel periodo pre-operatorio e a distanza di 30, 60 e 90 giorni dopo l’impianto del dispositivo.
Risultati. L’incidenza di trombosi venosa profonda è stata pari al 2,5%. Nel gruppo 2 non si sono osservati casi di trombosi venosa. Nel gruppo 1 si è avuto 1 caso di trombosi venosa asintomatica a distanza di 15 giorni dall’impianto del dispositivo. Il paziente è stato trattato con eparina a basso peso molecolare e si è completamente rivascolarizzato.
Conclusioni. La trombosi venosa, nei pazienti portatori di catetere venoso centrale, è sempre un fenomeno progressivo ma lento. L’incidenza nel primo mese successivo al posizionamento del catetere è alta e sono particolarmente critiche le prime tre settimane. Lo screening bisettimanale con l’ecografia color-doppler nei primi 3 mesi dall’impianto rappresenta un utile strumento per l’identificazione precoce delle trombosi venose e può consentirne un trattamento tempestivo.

inizio pagina