Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2005 June;18(3) > Chirurgia 2005 June;18(3):103-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Chirurgia 2005 June;18(3):103-6

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La gestione del paziente diabetico in chirurgia d’elezione

Caiazzo P., Di Palma R., Del Prete I. C., Buonocore G., Costabile F.


PDF


Il paziente con diabete mellito presenta un'incidenza di patologie chirurgiche maggiore rispetto al resto della popolazione, così come una maggiore incidenza di complicanze. Dopo uno stress chirurgico può risultare difficoltoso il controllo della malattia e il paziente può andare incontro a scompenso metabolico. Nella programmazione della gestione del paziente diabetico vanno presi in considerazione diversi fattori, tra i quali: tipo di diabete, terapia effettuata, presenza di complicanze, tipo di intervento chirurgico. Gli Autori riportano il protocollo terapeutico utilizzato per la gestione del paziente nella fase perioperatoria e per il trattamento delle complicanze acute (iperglicemia, chetoacidosi, coma iperosmolare). Una corretta preparazione alla chirurgia d'elezione per il paziente diabetico dovrebbe iniziare, quando possibile, prima dell'intervento chirurgico programmato. A tale scopo gli Autori utilizzano una scheda di inquadramento del paziente, utilizzata anche per la gestione infermieristica, che mette in diretta correlazione i parametri ematochimici (profilo glicemico, elettroliti sierici e urinari, glicosuria, chetonuria, emoglobina glicosilata, emogasanalisi, ecc.), le condizioni cliniche del paziente e i parametri vitali, la presenza di complicanze della malattia, la terapia infusiva e ipoglicemizzante effettuata (dosi e tempi di somministrazione).

inizio pagina