Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2003 April;16(2) > Chirurgia 2003 April;16(2):69-72

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Chirurgia 2003 April;16(2):69-72

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il carcinoma della mammella nell’uomo. A proposito di un caso clinico

Giordano A., De Nunzio A., Di Meo E., Cuomo U. M., Di Robbio R.


PDF


Il carcinoma mammario maschile è una patologia a bassa incidenza, con un picco nella V-VI decade di vita. Di fronte a una tumefazione mammaria nell'uomo, così come nella donna, il protocollo diagnostico prevede l'ecografia mammaria, la fine needle aspiration biopsy (FNAB), l'ecografia epatica, la scintigrafia ossea, il dosaggio dei marcatori tumorali sierici oltre che gli esami di routine. Il trattamento del carcinoma mammario maschile non si discosta dal protocollo valido per il carcinoma mammario femminile ed è quindi multidisciplinare (chirurgia, chemioterapia, terapia ormonale, radioterapia). L'unica differenza sostanziale è la scarsa affidabilità della quadrantectomia nell'uomo; infatti la mastectomia radicale modificata associata a linfoadenectomia ascellare omolaterale è ritenuta il gold standard per tale patologia.
Gli Autori descrivono un caso di carcinoma della mammella occorso in un soggetto anziano, sottoposto, come da consenso informato, alla sola mastectomia ''di minima'' e null'altro.

inizio pagina