Home > Riviste > Chirurgia > Fascicoli precedenti > Chirurgia 2000 August;13(4) > Chirurgia 2000 August;13(4):235-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

RAPPORTI CLINICI   

Chirurgia 2000 August;13(4):235-8

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Stenosi ischemica post-traumatica dell’intestino tenue

Quaglino F., Coda A., Ferri F., Bossotti M., Manfredi S., Do D.


PDF


Attualmente i traumi addominali chiusi sono di sempre più frequente riscontro per l'aumento degli incidenti sul lavoro e degli incidenti stradali. I traumi addominali chiusi possono provocare un danno mesenterico intestinale, soprattutto a carico del duodeno, della prime anse digiunali, ed a carico delle anse digiunali distali.
Sono rare invece le lesioni a carico delle anse digiunali intermedie, caratterizzate da una migliore vascolarizzazione e da una maggior motilità.
L'ostruzione intestinale posttraumatica può essere una rara sequela di un trauma addominale chiuso, come conseguenza di lesioni addominali occulte in fase acuta, che diventano clinicamente evidenti a variabile distanza di tempo dal trauma iniziale. Le cause possono essere una emorragia intramurale con reazione fibroplastica, e/o una risposta infiammatoria ad una perforazione intestinale occulta, o, come nel caso da noi proposto, una lesione misconosciuta del mesentere.
Queste lesioni evolvono frequentemente verso la stenosi dei tratti lesionati dell'intestino tenue, a causa di un progressivo danno ischemico. La sintomatologia di accompagnamento, che può insorgere a differente distanza dal trauma, da una settimana fino a diciotto mesi, è caratterizzata da dispepsia, dolore addominale, turbe della canalizzazione fino a veri e propri episodi di ostruzione intestinale.
Spesso i pazienti con trauma addominale chiuso sono trattati senza approccio chirurgico in assenza di segni evidenti di irritazione o peritoneale od in assenza di shock ipovolemico.
Se questi pazienti, dimessi dalla struttura ospedaliera in apparente benessere e con ripresa della canalizzazione, ripresentano i segni ed i sintomi di una ostruzione intestinale ricorrente, anche a notevole distanza di tempo, allora deve essere presa in considerazione l'evenienza di una stenosi intestinale post-traumatica.
Lo studio dell'intestino tenue con un esame Rx Transito di solito dimostra la presenza della stenosi intestinale, l'intervento chirurgico di resezione intestinale della lesione ridà totale benessere al paziente.
L'esame arteriografico non è essenziale per la diagnosi, può divenire utile per valutare i confini della lesione.

inizio pagina