Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede 2017 December;41(3) > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede 2017 December;41(3):75-85

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

MEDICINA E CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA E DEL PIEDE

Rivista di Anatomia, Fisiopatologia e Chirurgia del Piede


Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

REVIEW  NEWS FROM THE ORTHOPEDIC TRAUMATOLOGY UNIT OF THE UNIVERSITY OF FLORENCEFREEfree


Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede 2017 December;41(3):75-85

DOI: 10.23736/S2284-2993.17.01766-8

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le eterometrie degli arti inferiori

Marco BARDELLI , Guido BARNESCHI, Matteo IERI, Giuseppe SCARFÌ, Carlo VENEZIANI

Società Interdisciplinare Piede e Postura, Montecatini Terme, Pistoia, Italy


PDF  


Viene definita e analizzata l’incidenza delle eterometrie degli arti inferiori nelle piccole diseguaglianze al di sotto dei tre centimetri. Se il difetto di lunghezza è dovuto a un segmento scheletrico dell’arto inferiore si parlerà di eterometria anatomica o ALLI (anatomical leg length inequality). Nel caso in cui la differenza di lunghezza sia secondaria ad una patologia che ha colpito le articolazioni e/o distretti scheletrici contigui all’arto in oggetto oppure sintomatica di una funzione muscolare alterata, anche in una posizione che non sia sotto il peso del corpo, si parlerà di eterometria funzionale o FLLI (functional leg length inequality). Il problema delle eterometrie degli arti inferiori al di sotto dei tre centimetri viene affrontato dal punto di vista clinico sia in senso statico, con le sue ripercussioni su la colonna vertebrale e le relative indicazioni al rialzo di compenso nell’arto ipometrico, che dinamico durante la marcia e la corsa. Per avere un’alterazione dell’assetto posturale del bacino e del tronco bisogna raggiungere almeno i 20 mm di differenza fra gli arti, ma anche al di sotto dei 15 mm si possono osservare modificazioni posturali e già con eterometrie superiori ai 5 mm si può identificare un gibbo pelvico alla flessione anteriore del tronco. Per i soggetti in accrescimento la necessità di un compenso è dubbia e comunque sempre in correzione parziale (circa due terzi) per dislivelli superiori al centimetro. Per l’adulto non c’è accordo sui valori per i quali sia conveniente intervenire con un compenso e le indicazioni vanno valutate sempre individualmente.


KEY WORDS: Leg length inequality - Developmental bone diseases - Scoliosis - Posture

inizio pagina

Publication History

Issue published online: November 6, 2017
Manuscript accepted: May 5, 2017
Manuscript received: April 2, 2017

Per citare questo articolo

Bardelli M, Barneschi G, Ieri M, Scarfì G, Veneziani C. Le eterometrie degli arti inferiori. Med Chir Caviglia Piede 2017;41:75-85. DOI: 10.23736/S2284-2993.17.01766-8

Corresponding author e-mail

marcobardelli@hotmail.com