Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia del Piede 2013 August;37(2) > Chirurgia del Piede 2013 August;37(2):41-51

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Chirurgia del Piede 2013 August;37(2):41-51

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Definizione e classificazione della tallodinia

Bardelli M. 1, Ieri M. 2

1 Presidente, Società Interdisciplinare Piede e Postura Montecatini Terme, Pistoia, Italy; 2 Segretario alla Presidenza, Società Interdisciplinare Piede e Postura Montecatini Terme, Pistoia, Italy


PDF


Intendiamo per tallodinia il dolore acuto o cronico riferito in uno o più punti di quell’area che viene comunemente definita tallone. Quest’area topograficamente comprende: inferiormente la regione posteriore della pianta del piede, medialmente la zona che sale fino al malleolo mediale, lateralmente la zona che sale fino al malleolo peroneale e posteriormente la zona d’inserzione del tendine di Achille sul calcagno. Tra le classificazioni che cercano di raccogliere in maniera sistematica il dolore calcaneale nell’adulto vi è quella, più largamente condivisa, di suddividere la tipologia del dolore in base alla localizzazione topografica prevalente: diffusa, plantare o inferiore, mediale, laterale e posteriore. In base alla nostra esperienza la talalgia è causa di dolore del piede otto volte meno frequentemente rispetto alla metatarsalgia. Comprendere la talalgia nella sua eziopatogenesi multifattoriale è estremamente importante e quindi viene proposta una classificazione capace di raccogliere tutte le varie forme di dolore calcaneale mediante un sistema numerico utile sia in senso analitico che clinico.

inizio pagina