Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia del Piede 2011 August;35(2) > Chirurgia del Piede 2011 August;35(2):55-62

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Chirurgia del Piede 2011 August;35(2):55-62

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

“COXA PEDIS 1982-2010”

Pisani G.

Centro di Chirurgia del Piede “Prof. G. Pisani”, Clinica “Fornaca di Sessant”, Torino


PDF


Viene riproposta la “coxa pedis” quale complesso articolare talo-calcaneo-navicolare cui fanno riferimento le articolazioni astragalo-scafoidea e sottoastragalica anteriore (articolazione talo-peritalare). Alla stabilità peritalare concorrono la congruenza scheletrica, le strutture del complesso legamentoso peritalare e la azione di tibiale posteriore, flessore lungo dell’alluce e flessore lungo delle dita indotta in via propriocettiva del sistema propriocettivo peritalare supportato al complesso legamentoso corrispondente. Patologia intrinseca osteo-articolare o gleno-legamentosa, od estrinseca miotendinea, neurologica o biomeccanica da disassetti sovra segmentari possono determinare una destabilizzazione peritalare con secondaria pronazione della sottoastragalica contestuale alla supinazione della astragalo-scafoidea. La secondarietà della pronazione della sottoastragalica pone in discussione il concetto di sindrome pronatoria secondo il quale alla pronazione anomala della sottoastragalica andrebbe ascritta la destabilizzazione distale della struttura piede con patologia a cascata correlata.

inizio pagina