Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia del Piede 2009 August;33(2) > Chirurgia del Piede 2009 August;33(2):75-83

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Chirurgia del Piede 2009 August;33(2):75-83

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le lesioni nervose focali del tratto distale del nervo tibiale: nuovo approccio neurofisiologico

Troni W. 1, 2, Berra E. 3, Parino E. 2, Pisani P. C. 2, Pisani G. 2

1 Servizio di Neurologia e Neurofisiologia Clinica Clinica San Luca, Torino, Italia 2 Unità di Chirurgia del Piede, Clinica Fornaca, Torino, Italia 3 Clinica Neurologia II, Dipartimento di Neuroscienze Università di Torino, Torino, Italia


PDF


Obiettivo. L’indagine neurofisiologica convenzionale nel sospetto di lesioni nervose focali nel tratto distale del nervo tibiale (nT) non fornisce informazioni di valore localizzatorio in grado di distinguere fra una intrappolamento a livello del tunnel tarsale (TT) o distalmente ad esso. Una analisi segmentale delle velocità di conduzione motoria (VCm) distalmente al margine superiore del TT è realizzabile a patto che il potenziale muscolare composto (CMAP) sia registrato per mezzo di una ago-elettrodo coassiale allo scopo di evitare la simultanea registrazione dell’attività prodotta dai distretti muscolari vicini.
Metodi. CMAPs del Flessore Breve dell’Alluce (FBA), per valutare il nervo plantare mediale (nPM), dal Flessore Breve del V° dito (FBQD) e dal I° Interosseo Dorsale (FDI) per valutare rispettivamente il ramo superficiale (s) e profondo (p) del nervo Plantare Mediale (snPL e pnPL) sono stati evocati mediante stimolazione a tre livelli situati al di sopra (S1) al di sotto (S2) del legamento laciniato ed alla pianta del piede (S3 per il nPM ed S4 per il nPL).
Risultati e conclusioni. In 25 arti inferiori esaminati in 20 soggetti normali i valori medi della VCm nel tratto prossimale (S1 to S2) e intermedio (S2 to S3/S4) sono risultati respettivamente 44,5±4,7 e 40,7±5,6 m/s per il nPM, 43,5±5,9 e 39,4±5,6 m/s per il snPL, 42,6±4,2 e 40,9±5,8 m/s per il pnPL. I valori medi dell’Indice di latenza terminale motoria (mTLI), il parametro utilizzato quale indice di conduzione distalmente ad S3/S4, sono risultati 0,29±0,05 per il nPM e 0,33±0,04 per il nPL.

inizio pagina