Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2008 August;32(2) > Chirurgia Del Piede 2008 August;32(2):55-60

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NOTE DI TECNICA   

Chirurgia Del Piede 2008 August;32(2):55-60

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Gestione degli interventi in chirurgia del piede: l’ischemia protratta con ricompressione del tourniquet pneumatico

Napoli V., Napoli E.

Centro di Chirurgia del Piede Clinica “Fornaca di Sessant”- Torino


PDF


La compressione del tourniquet pneumatico consente di operare sulle strutture più fini del piede con un campo chirurgico ischemico ed in sicurezza per un periodo di tempo non superiore ai 120 minuti.
Quando problematiche operatorie non altrimenti gestibili pongono la necessità di un suo prolungamento, una metodica operatoria prevede di protrarre l’ischemica per un tempo più lungo dopo un periodo di riperfusione dei tessuti con la decompressione e ricompressione del tourniquet.
Tale metodica non può però essere utilizzata abitualmente per i severi effetti lesivi a cui può accompagnarsi ma è da riservare ad impreviste e gravi necessità. La riperfusione e l’ischemia prolungata favoriscono la formazione e la liberazione di chinine citotossiche ed istolitiche che possono provocare alterazione strutturale dei tessuti e compromissione della loro funzione.
Questo lavoro non è il risultato di esperienze personali ma sintetizza quanto a riguardo espone la letteratura in quanto tale metodica non viene da noi utilizzata.

inizio pagina