Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2005 March;29(1) > Chirurgia Del Piede 2005 March;29(1):17-20

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Chirurgia Del Piede 2005 March;29(1):17-20

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Difetti rotatori negli esiti delle fratture del collo astragalico

Parino E.


PDF


Tra le complicanze associate alle fratture scomposte del collo astragalico ampia evidenza è stata data in letteratura alla necrosi avascolare del corpo astragalico, all'artropatia post traumatica di tibio tarsica e sottoastragalica ad i difetti di consolidamento. Questi ultimi, a parte le pseudoartrosi, possono esitare in un malallineamento sul piano sagittale, facilmente riconoscibile ai radiogrammi in laterale o ad un difetto di riduzione sul piano frontale. Quest'ultima eventualità, possibile anche in casi scomposizione apparentemente minime esita in un difetto rotazionale in varo del retropiede. La deformità in varo condiziona un irrigidimento del della coxa pedis, diviene rapidamente sintomatica per il carico prevalente sul bordo esterno del piede, e si aggrava nel tempo per il coinvolgimento degenerativo della sottoastragalica. Il suo riconoscimento nelle fasi acute del trauma è difficoltoso con i soli radiogrammi standard. L'esame clinico rimane il miglior strumento per depistare i difetti rotazionali del retropiede negli esiti di frattura dell'astragalo e può eventualmente essere integrato dallo studio TC dell'astragalo.

inizio pagina