Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2003 June;27(2) > Chirurgia Del Piede 2003 June;27(2):59-64

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Chirurgia Del Piede 2003 June;27(2):59-64

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La gestione preoperatoria del paziente chirurgico in patologia del piede

Napoli V., Napoli E.


PDF


II chirurgo non può limitare il suo interesse soltanto al momento operatorio, in quanto il buon esito dell'intervento è subordinato anche a un'adeguata gestione delle problematiche pre e postoperatorie.
Ogni paziente necessita dell'impostazione di un personale programma operatorio che inizia dal momento in cui viene rilevata la necessità dell'intervento e ha, quali preliminari, la sua sedazione e l'elaborazione di una specifica strategia operativa. La sedazione di ansia e paura aiuta a prevenire le pericolose risposte neuroendocrine e metaboliche associate mentre la strategia operativa ha il compito di diminuire il rischio operatorio avvalendosi di una precisa diagnosi preoperatoria e dell'indicazione delle profilassi ritenute necessarie. L'adozione di profilassi è legata all'impiego di farmaci e/o all'adozione di protocolli operativi pertinenti e di provata utilità a sostegno dell'intervento chirurgico. In chirurgia del piede vengono da noi correntemente utilizzate e qui illustrate le profilassi: antinfettiva, antitrombotica, antidolore, anti-PONV (nausea e vomito postoperatorio) e anti-ulcera da stress per le quali specifiche verifiche hanno evidenziato la validità.

inizio pagina