Home > Riviste > Medicina e Chirurgia della Caviglia e del Piede > Fascicoli precedenti > Chirurgia Del Piede 2002 June;26(2) > Chirurgia Del Piede 2002 June;26(2):83-90

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Chirurgia Del Piede 2002 June;26(2):83-90

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

L’artropatia degenerativa della tibio-tarsica. Classificazione e trattamento

Andreasi A., Parino E., Marconetto M.


PDF


Dopo aver esposto le nozioni fondamentali della fisiopatologia della tibio-tarsica, gli Autori propongono una classificazione delle artropatie degenerative della tibio-tarsica, dividendole in primitive e secondarie.
Le forme primitive, sono molto rare, forse perché la morfologia di questa articolazione e l'attività funzionale delle articolazioni del tarso rendono modesto il suo impegno meccanico.
Le forme secondarie di artropatia degenerativa sono dovute ad esiti di eventi traumatici (lussazioni, fratture condrali ed osteocondrali, necrosi dell'astragalo) a microtraumatismi ripetuti, a lassità articolare cronica, ad alterazioni biomeccaniche; a processi infiammatori (esiti di artriti, osteomieliti, forme reumatiche, ecc.); a situazioni patologiche di raro riscontro, quali le osteocondrosi, le neoplasie, le forme neurologiche, ecc.
Infine passano in rassegna i più importanti trattamenti chirurgici soffermandosi brevemente su alcuni accorgimenti tecnici dell'artrodesi della tibio-tarsica che resta ancora l'intervento più indicato nei casi in cui l'artropatia degenerativa sia giunta al suo stadio finale.

inizio pagina