Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2015 December;16(3) > Acta Phlebologica 2015 December;16(3):103-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Acta Phlebologica 2015 December;16(3):103-6

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Variazioni anatomiche della vena epigastrica superficiale interna a confronto con la giunzione safeno-femorale: uno studio preliminare

Orsini A. 1, Allegra C. 2, D’Alessandro A. 4, Pelle F. 3, Pugliese F. 3, Izzo L. 3, Di Cello P. 3

1 San Raffaele University, Rome, Italy; 2 Master Director of Vascular Disease, S. Giovanni Hospital, Rome, Italy; 3 Department of Surgery, Policlinico Umberto I, Rome, Italy; 4 Department of Cardio-Vascular and Respiratory Sciences, Sapienza University, Rome, Italy


PDF


La chirurgia delle Vene varicose è la procedura chirurgica più comune cui scopo fondamentale è quello di prevenire le recidive. Un intervento chirurgico per le vene varicose non corretto può essere dovuto una mancanza di comprensione delle variazioni anatomiche della giunzione safeno-femorale (SFJ). La più importante variazione anatomica si verificano nel SFJ.
Durante l’intervento chirurgico abbiamo prestato un’attenzione specifica alla giunzione della vena epigastrica superficiale (ESI) e abbiamo misurato attraverso un centimetro chirurgico la distanza tra il bivio ESI con la vena safena e SFJ.
Inoltre abbiamo prestato un’attenzione specifica alle altre vene collaterali che di solito non sono considerate durante questo tipo di chirurgia.
I risultati dello studio hanno indotto la nostra scuola a non modificare la tecnica chirurgica di crossectomia radicale, ma migliorare la nostra competenza chirurgica su SFJ per osservare meglio le varianti anatomiche.

inizio pagina