Home > Riviste > Acta Phlebologica > Fascicoli precedenti > Acta Phlebologica 2008 April;9(1) > Acta Phlebologica 2008 April;9(1):39-41

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Acta Phlebologica 2008 April;9(1):39-41

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Necrosi cutanea durante trattamento anticoagulante

Antignani P. L., Schacther I., Allegra C.

Department of Angiology S. Giovanni-Addolorata Hospital, Rome, Italy


PDF


Nei pazienti con trombosi venosa profonda ricorrente l’efficacia della terapia anticoagulante per la tromboembolia venosa, sia nella fase acuta che per la profilassi a lungo termine, è stata confermata da molti studi. Tuttavia, essa non è esente da complicanze quali l’emorragia o, più raramente, la necrosi cutanea. Il paziente, seguito sin dal 1994, era affetto da deficit congenito dei fattori procoagulanti (Fattore II eterozigote e MTHFR eterogizote positivo) e deficit secondario di fattori procoagulanti dovuto a consumo di proteina C, con comparsa di necrosi cutanea. La modificazione della terapia con il passaggio dagli anticoagulanti orali all’eparina a basso peso molecolare e l’utilizzo di topic dressing personalizzato ha consentito la risoluzione dei sintomi clinici e la guarigione del tessuto cutaneo.

inizio pagina