Home > Riviste > Otorhinolaryngology > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2002 March;52(1) > Otorinolaringologia 2002 March;52(1):21-5

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

CASI CLINICI   

Otorinolaringologia 2002 March;52(1):21-5

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Adenoma pleomorfo della fossa nasale. Caso clinico e revisione della letteratura

Frenguelli A., Rizzo S., Bizzotti C., Bernardini M., Longari F., Bracchi E.

Università degli Studi - Perugia Dipartimento delle Specialità Medico-Chirurgiche Sezione di Otorinolaringologia (R)


PDF


Gli Autori presentano in questo lavoro un caso di adenoma pleomorfo della fossa nasale a partenza dalla testa del turbinato inferiore. L’adenoma pleomorfo è senza dubbio il tumore più frequente delle ghiandole salivari maggiori e minori. Occasionalmente, questo tumore può insorgere in sedi atipiche a causa della persistenza di residui embrionari ectopici di tessuto ghiandolare salivare. Come si evince dalla Letteratura, sono stati descritti rari casi di localizzazione di adenoma pleomorfo in sedi atipiche. La lesione può essere a lungo ignorata a causa della scarsità dei sintomi correlati a questa patologia. Il trattamento elettivo risulta essere quello chirurgico e l’escissione della neoplasia deve essere la più ampia possibile per evitare l’insorgenza di possibili recidive. Presentiamo un caso di adenoma pleomorfo insorto in corrispondenza del turbinato inferiore. Il paziente è giunto alla nostra osservazione per una sintomatologia caratterizzata da ostruzione nasale. Dopo aver svolto i necessari accertamenti clinico-strumentali, è stato sottoposto ad intervento chirurgico e successivamente dimesso in buone condizioni. L’adenoma pleomorfo è un tumore benigno, anche se sono stati descritti dei casi ad evoluzione maligna. Proprio la potenziale trasformazione maligna di questo tumore rende necessario porre tempestivamente la corretta diagnosi differenziale ed applicare, dopo l’escissione chirurgica della neoplasia, un follow-up mirato e protratto nel tempo.

inizio pagina