Home > Riviste > Italian Journal of Dermatology and Venereology > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 August;146(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 August;146(4):249-55

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  PRINCIPI DI CHIRURGIA IN DERMATOLOGIA 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 August;146(4):249-55

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Tumori maligni avanzati delle estremità trattati con criochirurgia

Almeida Gonçalves J. C. 1, 2

Department of Dermatology Portuguese Institute of Oncology, Lisbon, Portugal; Department of Dermatology, District Hospital, Santarém, Portugal


PDF


Obiettivo. La criochirurgia con azoto liquido è un metodo sicuro ed efficace per il trattamento dei tumori maligni della pelle. Con il protocollo corretto, la sua efficacia si estende anche ai tumori in stadio avanzato e inoperabili. Scopo di questo studio è riportare l’esperienza dell’autore nel trattamento di carcinomi a cellule squamose delle estremità.
Metodi. Quarantotto pazienti (31 donne e 17 uomini, età media 79 anni) con 50 carcinomi a cellule squamose (squamous-cell carcinomas, SCC) in stadio avanzato localizzati alle estremità sono stati trattati con azoto liquido spray, applicando due cicli di congelamento-scongelamento fino a raggiungere una temperatura di -50 ºC all’interno del tumore, e non inferiore a -20 ºC ai margini del tumore e nelle strutture circostanti. Il monitoraggio della temperatura è stato effettuato con termocoppie. Tutti i pazienti di questa casistica sono stati trattati dall’autore.
Risultati. Il tasso di guarigione complessivo è stato dell’88%, con follow-up da 1 a 8 anni (follow-up medio 2,64 anni).
Conclusioni. La criochirurgia è un metodo efficace per il trattamento dei tumori maligni avanzati delle estremità in quanto consente un elevato tasso di guarigione e permette, in molti casi, di evitare l’amputazione.

inizio pagina