Home > Riviste > Italian Journal of Dermatology and Venereology > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 August;144(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 August;144(4):333-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  PEMPHIGUS AND PEMPHIGOID UPDATE IN 2009 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 August;144(4):333-8

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento del pemfigo e pemfigoide bolloso. L’esperienza francese, aggiornamento 2009

Roujeau J. C. 1, 3, Ingen-Housz-Oro S. 1, 3, Leroux C. 1, 4, Joly P. 2, 5

1 Ile de France Reference Center on “toxic” and Auto-Immune Blistering Diseases, Henri Mondor Hospital, Paris XII University, Créteil, France 2 National Reference Center on Auto-Immune Blistering Diseases, Paris, France 3 Hôpital Henri Mondor, Créteil, France 4 Hôpital Avicenne, Bobigny, France 5 Hôpital Charles Nicolle, Rouen, France


PDF


Recentemente, sono stati compiuti diversi progressi nel trattamento delle patologie bollose auto-immuni. L’obiettivo di questa revisione era di fornire un aggiornamento, basato sull’interpretazione di esperti, delle evidenze pubblicate in letteratura circa i trattamenti del pemfigoide e del pemfigo. È stata condotta una ricerca in letteratura (Pubmed) di tutti i trial controllati randomizzati che non sono stati precedentemente inclusi in due revisioni della letteratura pubblicate dal Cochrane Skin Group nel 2005 sul pemfigoide e nel 2009 sul pemfigo. Sono state prese in considerazione anche serie recentemente pubblicate di casi trattati con anticorpi anti-CD20. Per quanto riguarda il pemfigo, con un buon livello di evidenza, alte dosi di clobetasolo propionato topico dovrebbero costituire il trattamento di prima linea; ulteriori studi, dovranno comunque focalizzare l’attenzione su una terapia di mantenimento semplice e ben tollerata. Per quanto riguarda il pemfigo, dopo decine di trial inconcludenti, vi è attualmente qualche evidenza di una moderata efficacia dell’azatioprina, della ciclofosfamide e del micofenolato in aggiunta ai corticosteroidi e probabilmente delle immunoglobuline endovenose. L’impatto pratico di tale evidenza è fortemente messo in discussione dalla possibile superiorità degli anticorpi monoclonali anti-CD20, che sembrerebbero costituire il trattamento più efficace del pemfigo. A causa di dubbi sulla sicurezza a lungo termine, sono richiesti in tempi brevi trials multicentrici che studino questi trattamenti “biologici”.

inizio pagina