Home > Journals > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa > Past Issues > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2017 December;31(4) > MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2017 December;31(4):226-32

CURRENT ISSUE
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Reprints
Permissions

 

ARTICOLO ORIGINALE   

MR Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa 2017 December;31(4):226-32

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

language: Italian

La misurazione dell’efficacia dell’assistenza individualizzata tramite S.Va.M.Di.Me. Valutazione degli aspetti quantitativi e qualitativi degli interventi riabilitativi e socio-assistenziali sui minori con disabilità della provincia di Siracusa

Francesco GRASSO , Carmela TATA, Patrizia FALLETTA, Marco SAETTA

Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa, Siracusa, Italia


PDF


OBIETTVO: La misurazione dell’efficacia dell’assistenza individualizzata rappresenta una sfida molto impegnativa per chi si occupa di programmazione di servizi sociosanitari alla persona ex art. 14 lg 328/2000. Assume rilievo il poter garantire oltre all’attendibilità dei dati relativi agli outcome (effetti sulle performance), anche la validità ecologica delle informazioni sui risultati degli interventi riabilitativo e socioassistenziale: come e in che misura questi ultimi influenzano effettivamente il benessere soggettivo (QoL) dei minori con disabilità e dei loro familiari.
METODI: Il presente lavoro propone una metodologia di valutazione qualitativa e quantitativa (basata sull’ICF) dell’efficacia dei piani assistenziali individualizzati (PAI) redatti mediante S.Va.M.Di.Me (Scheda di Valutazione Multidimensionale per la Disabilità Minore Età) presso l’ASP di Siracusa. Allo scopo verranno presentati: 1) degli indicatori di assistenza costruiti per quantificare le percentuali di cambiamento (positivo/negativo) delle competenze e della partecipazione sociale individuale (miglioramento o peggioramento delle performance) risultanti dall’azione di interventi sulla persona e dall’influenza facilitante o barriera sul suo contesto di appartenenza; 2) un’intervista breve somministrata ai genitori nel corso del PAI atta a indagare la soddisfazione dei genitori relativamente alla propria Q.d.V. intesa come benessere soggettivo (SWB) e all’assistenza ricevuta, nonché alle aspettative future per il minore e per l’intero nucleo familiare.
RISULTATI: Abbiamo confrontato i dati quantitativi relativi all’assistenza effettiva ricevuta dai minori con disabilità dei comuni della provincia di Siracusa per gli anni 2014 e 2015 con quelli tratti dalle interviste condotte con i genitori dei minori durante il P.A.I. I risultati ottenuti rivelano relazioni statisticamente significative, tra l’età dei minori e la soddisfazione dei genitori (diretta) e tra l’età dei minori e le aspettative genitoriali (inversa). Inaspettatamente abbiamo rilevato una correlazione inversa tra l’entità di assistenza effettiva (facilitante) e la soddisfazione espressa dai genitori per la propria Q.d.V. L’articolo discute, infine, le differenze esistenti nell’investimnto emotivo dei genitori per maschi e femmine nel nostro campione.
CONCLUSIONI: I risultati ottenuti testimoniano l’esigenza di poter disporre di strumenti validi ed attendibili sia dal punto di vista quantitativo (gravità e funzionamento individuale, entità di facilitazioni e barriere) ma anche qualitativo (ecologico - punto di vista soggettivo degli utenti) per la raccolta dei dati. Appare altresì importante riflettere sulle relazioni reciproche di questi dati, promuovendo la loro diffusione, per il miglioramento (prevenzione primaria e secondaria) dell’impatto della disabilità dei minori sulle famiglie.


KEY WORDS: Misurazione - Assistenza - Efficacia - Qualitativo - Quantitativo

top of page