Home > Libri > Medicina > Neurologia > Trattamento dell'epilessia

Trattamento dell'epilessia

III edizione
Edizione italiana a cura di Mutani R., Capizzi G. (2013)
SHORVON S.
Volume di 432 pagine con 50 figure e 124 tabelle
Copertina: flessibile
ISBN-13 978-88-7711-762-5
Lingua: Italiano

Prezzo: € 79,00  € 67,15 PER ORDINARE   PREVIEW   EMAIL ALERT

 

Questo volume assicura una visione di insieme omogenea ed equilibrata nel trattamento dell’epilessia. Nel trattare la materia è stato mantenuto il massimo aggiornamento nell’esposizione relativamente ai più recenti dati epidemiologici, alla classificazione ILAE delle crisi e delle sindromi epilettiche e ai vari meccanismi operativi neurobiologici, sia di tipo neurofisiologico che genetico e biologico-molecolare.
Grande rilevanza è stata data agli aspetti clinici e terapeutici dell’epilessia in gruppi specifici di popolazione: donne, anziani e bambini. Rispetto a quest’ultimi, in particolare, i dati proposti risultano interessanti, considerati i limiti operativi ed etici delle sperimentazioni cliniche nell’infanzia.
L’opera offre una trattazione completa dei principi cinetici e dinamici della terapia con i farmaci antiepilettici, sia classici che di nuova e nuovissima generazione, e dei criteri di scelta terapeutica in soggetti di nuova diagnosi, in quelli con epilessia cronica attiva o in remissione e, infine, nello stato di male. Molto apprezzabile per la sua rilevanza, ormai ampiamente riconosciuta, è il capitolo relativo alla presenza di disturbi psichiatrici nei soggetti con epilessia e dei conseguenti problemi terapeutici.
Un ampio capitolo è, infine, dedicato ai pazienti farmaco resistenti, suscettibili di valutazione e approccio chirurgico, sia nel caso di lesione dimostrata che non dimostrata alle indagini di neuro immagine, o stimolazione vagale.
Indice
DEFINIZIONI ED EPIDEMIOLOGIA

Definizioni
Frequenza dell’epilessia e caratteristiche nella popolazione generale
TIPO DI CRISI E LORO LOCALIZZAZIONE ANATOMICA
Tipo di crisi
Crisi parziali
Crisi generalizzate
Contesto clinico dei diversi tipi di crisi
Classificazione delle crisi parziali in base al sito anatomico di esordio
Crisi parziali ad origine nel lobo temporale
Epilessia parziale ad esordio da strutture extratemporali
SINDROMI EPILETTICHE
Classificazione ILAE delle epilessie e delle sindromi epilettiche
Epilessie e sindromi sede-correlate
Sindromi epilettiche
Epilessia generalizzata idiopatica
Epilessia mioclono-astatica (piccolo male mioclono-astatico)
Epilessia parziale benigna con punte centro temporali
Epilessia dell’infanzia con parossismi occipitali (epilessia occipitale benigna; epilessia occipitale iodiopatica tipo Gestaut)
Epilessia occipitale benigna ad esordio precoce (sinonimo: sindrome di Panayiotopoulos)
Altre epilessie parziali benigne
Crisi febbrili
Sindrome di West
Sindrome di Lennox-Gastaut
Sindrome dello stato epilettico elettrico durante sonno lento (ESES)
Sindrome di Landau-Kleffner
CAUSE DELL’EPILESSIA
Epilessie idiopatiche

Epilessie pure come risultato di disordini monogenici
Epilessie pure come ereditarietà complessa (presunta poligenica)
Epilessia sintomatica di origine genetica o congenita
Epilessia mioclonica progressiva
Sindromi neuro-cutanee
Epilessia nei disordini cromosomici
Epilessie come risultato di anomalie dello sviluppo cerebrale (le “displasie corticali)
Epilessia sintomatica da cause acquisite
Trattamento dell’epilessia sintomatica da cause acquisite
Sclerosi ippocampale
Danno prenatale e perinatale
Paralisi cerebrale
Encefalopatia post-vaccinazione
Malattie degenerative e demenza
Epilessia post-traumatica
Epilessia post-chirurgica
Tumori cerebrali
Infezioni del sistema nervoso centrale
Patologia cerebro-vascolare
Altri disturbi neurologici
Malattie infiammatorie e immunologiche del sistema nervoso
Crisi provocate
Fattori precipitanti le crisi
Crisi indotte da fattori metabolici, tossici e farmocologici
Epilessia riflessa
PRINCIPI DI TERAPIA
Perché curare l’epilessia? Gli scopi della terapia

Controllo delle crisi
Evitare gli effetti collaterali
Evitare le conseguenze sociali dell’epilessia e dell’handicap secondaria
Soppressione dell’attività subclinica
Riduzione di mortalità e morbilità
Prevenzione dell’epilettogenesi
Miglioramento della qualità di vita
Prevenzione dell’epilessia
Rischi connessi all’epilessia e al suo trattamento
Rischi connessi all’epilessia
Rischi della terapia con farmaci antiepilettici
Scelta del farmaco antiepilettico basata sul tipo di crisi
Crisi tonico-cloniche generalizzate
Crisi parziali
Crisi generalizzate di assenza
Crisi miocloniche
Assenze atipiche, crisi atoniche e toniche
Altri fattori che influiscono sulla scelta del farmaco
Terapia di specifiche sindromi epilettiche
Crisi neonatali
Epilessie generalizzate idiopatiche (IGE)
Sindromi di epilessia parziale benigna dell’infanzia
Crisi febbrili
Sindrome di West
Sindrome di Lennox-Gastaut
Sindrome di Landau-Kleffner e ESES
Epilessia mioclonica severa dell’infanzia (sindrome di Dravet)
Principi di trattamento dei pazienti di nuova diagnosi
Fattori che influenzano la decisione di trattare
Protocollo terapeutico per i pazienti mai trattati
Principi di terapia in pazienti con epilessia cronica attiva
Protocollo terapeutico in pazienti con epilessia cronica attiva
Accertamenti
Terapia
Terapia dei pazienti con epilessia in remissione
Disturbi psichiatrici in epilessia

Depressione e ansia
Psicosi
Disturbi di personalità
Episodi acuti psicotici e depressivi dai farmaci antiepilettici
Disturbi psichiatrici e modificazioni di personalità dopo chirurgia dell’epilessia
Reazioni idiosincrasiche pericolose per la vita dovute alla terapia antiepilettica
Prevenzione
Trattamento
Terapia complementare e alternativa nella epilessia
Counselling genetico in epilessia

Disordini monogenici
Disordini genetici complessi multigenici
Counselling genetico in specifiche sindromi non mendeliane di epilessia
Counselling genetico in specifiche sindromi epilettiche mendeliane
Counselling genetico nelle sindromi di epilessia mioclonica progressiva
TERAPIA DELL’EPILESSIA IN POPOLAZIONI SPECIFICHE
Terapia dell’epilessia nei bambini

Considerazioni generali
Terapia delle diverse sindromi epilettiche
Terapie specifiche delle diverse eziologie
Terapia con farmaci antiepilettici
Terapia dell’epilessia in pazienti con handicap aggiuntivi
Terapia farmacologica antiepilettica
Terapia chirurgica
Scelta del farmaco
Istituzionalizzazione
Epilessia nell’anziano
Diagnosi
Aspetti generali del trattamento
Principi di terapia farmacologica
I farmaci antiepilettici nell’anziano
Terapia dell’epilessia nella donna
Effetti sulla fertilità e ormonali
Contraccezione
Mestruazione ed epilessia catameniale
Teratogenicità degli antiepilettici
Gravidanza
Travaglio e puerperio
Counselling e revisione della terapia preconcezionali 144
PRINCIPI FARMACOCINETICI DELLA TERAPIA ANTIEPILETTICA
Assorbimento del farmaco
Distribuzione dei farmaci
Eliminazione dei farmaci (metabolismo ed escrezione)
Monitoraggio dei livelli plasmatici
Quando è necessario misurare il livello plasmatico?
FATTORI ANTIEPILETTICI
Carbamazepina

Caratteristiche fisico-chimiche
Meccanismo d’azione
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Efficacia antiepilettica
Utilizzo clinico nell’epilessia
Clobazam
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Efficacia antiepilettica
Impiego clinico nell’epilessia
Clonazepam
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Uso clinico per l’epilessia
Eslicarbazepina acetato
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Uso clinico per l’epilessia
Etosuccimide
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Gabapentin
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Uso clinico per l’epilessia
Lacosamide
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Efficacia
Ruolo nella terapia attuale
Lamotrigna
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetto antiepilettico
Uso clinico in epilessia
Levetiracetam
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Uso clinico in epilessia
Oxcarbazepina
Farmacocinetica
Effetti negativi
Effetto antiepilettico
Uso clinico nell’epilessia
Fenobarbital
Farmacocinetica
Interazioni farmacologiche
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Utilizzo clinico nell’epilessia
Fenitoina
Farmacocinetica
Interazioni farmacologiche
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Uso clinico nell’epilessia
Pregabalin
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetto antiepilettico
Utilizzo clinico nell’epilessia
Primidone
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetti antiepilettici
Utilizzo clinico in epilessia
Rufinamide
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Utilizzo clinico della rufinamide
Tiagabina
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetto antiepilettico
Impiego clinico nell’epilessia
Topiramato
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Effetto antiepilettico
Impiego clinico nell’epilessia
Valproato
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Efficacia antiepilettica
Uso clinico nell’epilessia
Vigabatrin
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetto antiepilettico
Uso clinico nell’epilessia
Zonisamide
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetti antiepilettici
Uso clinico in epilessia
Altri farmaci utilizzati nel trattamento dell’epilessia
Acetazolamide

Farmacocinetica
Effetti collaterali
Efficacia antiepilettica
Uso clinico in epilessia
Benzodiazepine
Diazepam
Clorazepato
Nitrazepam
Corticosteroidi ed ACTH
Farmacocinetica
Effetti collaterali
Utilizzo clinico in epilessia
Felbamato
Effetti collaterali
Efficacia antiepilettica
Utilizzo clinico in epilessia
Piracetam
Farmacocinetica
Effetti avversi
Utilizzo nel mioclono
Uso clinico in epilessia
Stiripentolo
Farmacocinetica
Effetti avversi
Effetto antiepilettico
Posizione attuale in terapia
TRATTAMENTO DELL’EPILESSIA IN URGENZA
Come comportarsi in caso di crisi epilettica

Provvedimenti generali
Terapia antiepilettica d’urgenza
Precauzioni necessarie per la somministrazione parenterale di benzodiazepine
Crisi seriate
Crisi a grappolo
Trattamento profilattico intermittente
Stato epilettico
Classificazione dello stato epilettico
Farmacocinetica e farmacodinamica nello stato epilettico
Caratteristiche cliniche dello stato epilettico tonico-clonico
La terapia in emergenza dello stato epilettico tonico-clonico: misure generali
La terapia in urgenza dello stato epilettico tonico-clonico: terapia farmacologica
Caratteristiche cliniche e trattamento delle altre forme di stato epilettico
Farmaci antiepilettici utilizzati nello stato epilettico
TRATTAMENTO CHIRURGICO DELL’EPILESSIA
Valutazione prechirurgica: punti principali

Selezione dei pazienti
Approccio al percorso di valutazione
Terapia chirurgica per l’epilessia del lobo temporale mesiale
Quali pazienti devono essere valutati?
Esiti della chirurgia del lobo temporale mesiale
Differenti approcci chirurgici sul lobo temporale
La chirurgia nell’epilessia delle regioni extratemporali e della neocorteccia temporale
Eziologia
Valutazione prechirurgica
Displasia corticale (malformazioni dello sviluppo corticale)
La chirurgia nei casi in cui non ci sono lesioni apparenti alla neuroimmagine (“casi RM-negativi”)
Emisferectomia, emisferotomia e altre ampie resezioni

Accertamenti preoperatori
Tecniche chirurgiche e outcome
Altre ampie resezioni
La sindrome di Sturge-Weber
Corpocallosectomia (sezione del corpo calloso, corpocallosotomia)
Indicazioni
Valutazione pre-operatoria
Procedura chirurgica
Risultati
Transezione subpiale multipla
Stimolazione del nervo vago

Procedura operatoria e parametri di stimolazione
Efficacia della stimolazione vagale
Sicurezza e tollerabilità della stimolazione del nervo vago
Ruolo clinico della stimolazione vagale
Altre procedure chirurgiche funzionali
Organizzazione della terapia chirurgica dell’epilessia: centro per la chirurgia dell’epilessia
FARMACOPEA

inizio pagina