Ricerca avanzata

Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2003 Settembre;10(3) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2003 Settembre;10(3):269-80

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2003 Settembre;10(3):269-80

 ARTICOLI ORIGINALI

Nostra esperienza nel trattamento chirurgico della restenosi carotidea

Curci R. 1, De Amicis P. 1, Felisi R. 1, Odero Jr. A. 2, Argenteri A. 2

1 Divisione di Chirurgia Vascolare, Ospedale Maggiore di Lodi, Lodi
2 Cattedra di Chirurgia Vascolare, Università degli Studi di Pavia, Pavia

Obiettivo. Il trattamento della restenosi carotidea presenta ad oggi aspetti non completamente definiti e definitivi per quanto riguarda le metodiche e risultati clinici. L’applicazione delle metodiche endovascolari, sempre maggiore particolarmente nelle situazioni considerate “ostili” come nei reinterventi, ha prodotto un inevitabile confronto con la procedura chirurgica tradizionale. Su questi presupposti abbiamo valutato il significato attuale del trattamento chirurgico della restenosi carotidea, attraverso l’analisi della nostra esperienza in questo ambito.
Metodi. Abbiamo pertanto effettuato un’analisi retrospettica su 904 pazienti operati per stenosi carotidea; abbiamo individuato 18 trattamenti chirurgici per restenosi, effettuati sulla base di una valutazione clinica ed emodinamica, indipendentemente dal tempo di comparsa della restenosi e quindi senza criteri limitativi relativamente alla natura della restenosi. Risultati. Abbiamo valutato il tipo di intervento effettuato, gli eventuali fattori aggravanti, le patologie concomitanti, e quindi l’esito a breve, medio e lungo termine, con particolare riferimento alla morbilità neurologica, periferica e centrale.
Conclusioni. Sulla base della nostra indagine, riteniamo che nel breve termine la procedura chirurgica pur presentando maggiori limiti relativamente a danni neurologici periferici rispetto alle procedure endovascolari, a parità di morbilità neurologica centrale, sia valida ed attuabile. Riteniamo, poi, che la validità dei risultati nel lungo periodo sia maggiore rispetto a quella delle procedure endovascolari, in quanto gravata da una minore incidenza di recidiva.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina