Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2003 Giugno;10(2) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2003 Giugno;10(2):97-110

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2003 Giugno;10(2):97-110

lingua: Inglese, Italiano

Trattamento chirurgico convenzionale della fistola aorto-enterica secondaria

Dorigo W., Pulli R., Azas L., Pratesi C.

Cattedra e Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare, Università degli Studi di Firenze, Firenze


PDF  


Obiettivo. Valutare retrospettivamente i risultati immediati ed a distanza del trattamento della fistola aorto-enterica secondaria mediante espianto protesico e rivascolarizzazione extra-anatomica con bypass axillo-bifemorale (trattamento convenzionale).
Metodi. Nel periodo gennaio 1990-marzo 2002, 30 pazienti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico convenzionale per fistola protesico-enterica. I dati relativi a tali pazienti sono stati raccolti in un apposito database e valutati in termini di mortalità, pervietà e salvataggio d’arto a 30 giorni mediante test del χ2 ed analisi univariata. È stato attuato un programma di sorveglianza clinico e strumentale mediante Doppler C-W ed eco color-Doppler; i risultati a distanza sono stati valutati mediante curve di Kaplan-Meyer.
Risultati. La mortalità a 30 giorni è stata del 26,5% (8 casi). Il timing e la sequenza dell’intervento chirurgico (intervento simultaneo o sequenziale, priorità all’espianto o alla rivascolarizzazione) non hanno influenzato in maniera significativa la mortalità perioperatoria. La pervietà primaria e secondaria del bypass extra-anatomico a 30 giorni sono state rispettivamente dell’80% e del 100%. La durata media del follow-up è stata di 24 mesi, con tassi di sopravvivenza dell’80% a 12 mesi e del 65% a 24 mesi. La pervietà primaria è stata dell’89% a 24 mesi ed il salvataggio d’arto pari al 93%. Durante il follow-up si sono verificate 2 reinfezioni protesiche, pari al 9%. Complessivamente, il tasso di reintervento a 24 mesi è stato del 18%.
Conclusioni. Il trattamento chirurgico convenzionale della fistola aorto-enterica secondaria garantisce risultati immediati e tardivi soddisfacenti, con buone percentuali di pervietà a distanza e salvataggio d’arto. La scelta del timing e della sequenza operatoria non sembra influenzare i risultati immediati e tardivi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail