Ricerca avanzata

Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Dicembre;8(4) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Dicembre;8(4):275-83

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Dicembre;8(4):275-83

 ARTICOLI ORIGINALI

Gli aneurismi infiammatori dell’aorta addominale

Bajardi G., Talarico F., Ricevuto G., Calì F.

From the Depart­ment of Vas­cu­lar Sur­gery Uni­ver­sity of Paler­mo

Obiettivo. L’obiettivo del presente lavoro è quello di riportare la nostra esperienza al riguardo di una patologia sempre più frequentemente diagnosticata: gli aneurismi infiammatori dell’aorta addominale (IAAA).
Metodi. Viene riportata l’esperienza raccolta in un anno (novembre 1999 - novembre 2000), consistente in 5 casi (10% circa del totale degli AAA osservati nello stesso periodo). Due pazienti si sono presentati in urgenza. I pazienti sono stati sottoposti a ECO (in elezione) e la TAC con m.d.c. In 3 casi su 5 (60%) è stato possibile porre diagnosi preoperatoria di IAAA. In 1 caso (20%) era presente idroureteronefrosi sinistra. Tutti i pazienti sono stati operati con un accesso mediano transperitoneale.
Risultati. Non è stata registrata mortalità postoperatoria. La principale complicanza è risultata un caso (20%) di pancreatite, risoltosi con terapia medica. In tutti i casi è stato associato un trattamento cortisonico per 2 mesi.
Conclusioni. Vengono discussi i meccanismi patogenetici degli IAAA. Vengano valutate in tal senso le implicazioni al trattamento chirurgico (via transperitoneale vs retroperitoneale), (trattamento endovascolare vs open), (opportunità di gesti chirurgici su altri organi circostanti). Viene sottolineata l’importanza di una diagnosi preoperatoria per programmare tutti i tempi del trattamento (cura dell’IAAA, risoluzione della FR, trattamento antiflogistico). Pur comportando gli IAAA un incremento della morbilità e della mortalità postoperatoria, un’attenta preparazione chirurgica, con dissezione minima e clampaggio a distanza, rappresenta la migliore profilassi delle complicanze. Gli IAAA necessitano di uno scrupoloso follow-up al fine di monitorizzare l’evoluzione della FR e di regolare in tal senso le eventuali terapie mediche associate.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina