Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Giugno;8(2) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Giugno;8(2):125-34

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Giugno;8(2):125-34

lingua: Inglese, Italiano

Embolizzazione percutanea di aneurisma dell’arteria splenica mediante spirali metalliche

Bandiera G., Cirielli C., Forletta M., Serino F., Falappa P. G. *

From the Department of Vascular Pathology and Surgery 3rd Division of Vascular Surgery
* Radiology Service IDI (­IRCCS), Rome, Italy


PDF  


Sebbene considerate patologie non comuni gli aneurismi delle arterie splancniche possono oggi essere diagnosticati più frequentemente grazie ai moderni sistemi di imaging. L’arteria splenica risulta essere la sede più frequente per questo tipo di lesione, contando più dei 60% di tutti gli aneurismi delle arterie viscerali. In particolare lo 0,2-0,8% della popolazione generale risulta affetta da questo tipo di patologia e l’incidenza nel sesso femminile è 4 volte maggiore che nel sesso maschile. La relazione tra la frequenza di questa patologia con il sesso femminile è stata correlata con le alterazioni che avvengono nelle arterie splancniche durante la gravidanza, caratterizzate da rottura della lamina elastica interna, da frammentazione delle fibre elastiche, da accumulo di proteoglicani nella tonaca media. Viene descritto un caso di aneurisma dell’arteria splenica in cui il fallimento di una prima procedura di embolizzazione mediante l’utilizzo di spirali al tungsteno, ha richiesto, a distanza di 2 mesi un successivo trattamento con spirali al platino che, oltre a completare l’embolizzazione della sacca aneurismatica, ha portato all’occlusione dell’arteria splenica prossimalmente all’aneurisma. In considerazione del fatto che angiografia, eco color-Doppler ed angioRM avevano dimostrato una sufficiente perfusione splenica via rami collaterali, la vitalità dell’organo è rimasta conservata senza dover ricorrere alla sua asportazione chirurgica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail