Ricerca avanzata

Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Marzo;8(1) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Marzo;8(1):1-11

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2001 Marzo;8(1):1-11

 ARTICOLI ORIGINALI

Ruolo del Doppler transcranico nella valutazione pre- e intraoperatoria del rischio di ischemia cerebrale da clampaggio

Martinelli O., Trenti E., Stumpo R., Gossetti B., Benedetti-Valentini F.

From the 2nd Chair of Vascular Surgery University “La Sapienza”, Rome, Italy

Obiettivo. I deficit neurologici intraoperatori in corso di chirurgia carotidea sono legati prevalentemente ad eventi microembolici; tuttavia, anche l’ipoperfusione cerebrale legata al clampaggio della carotide può esserne causa. Il Doppler Transcranico (DTC) può essere attualmente impiegato per la valutazione del rischio di ischemia cerebrale da clampaggio carotideo.
Metodi. Nella nostra esperienza, dal gennaio 1991 al dicembre 1998, 508 pazienti sottoposti a chirurgia carotidea in anestesia locoregionale sono stati studiati mediante DTC preoperatoriamente e nel corso dell’intervento chirurgico. Preoperatoria-mente sono state valutate la riserva vasomotoria cerebrale, l’efficienza delle arterie comunicanti, i dati del test di compressione della carotide comune alla base del collo; intraoperatoriamente le modificazioni indotte sul flusso nell’arteria cerebrale media, omolaterale al clampaggio carotideo di prova.
Risultati. I risultati del DTC sono stati correlati con il numero di shunt utilizzati e con i deficit neurologici intraoperatori. Tale correlazione ha evidenziato che: 1) la presenza di un circolo collaterale intracranico attivabile o attivato e la riserva vasomotoria sono in diretto rapporto con la tollerabilità al clampaggio carotideo rispettivamente nel 52 e nel 70% dei casi; 2) il test preoperatorio di compressione carotidea ha una sensibilità del 63% ed una specificità del 98%; 3) un decremento della velocità media nella arteria cerebrale media in corso di clampaggio di prova al di sotto del 30% dei valori di base è indice di una mancata tolleranza al clampaggio nel 93% dei casi.
Conclusioni. Questi risultati evidenziano che il DTC è un metodo attendibile di valutazione preoperatoria del rischio di ischemia cerebrale da clampaggio carotideo ma, soprattutto, nel corso dell’intervento chirurgico.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina