Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2000 Dicembre;7(4) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2000 Dicembre;7(4):279-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2000 Dicembre;7(4):279-90

lingua: Inglese, Italiano

Endoarterectomia dell’aorta toraco-addominale nell’ischemia intestinale acuta e cronica

Chiesa R., Melissano G., Tshomba Y., Moura M. R. L.

From the Department of Vascular Diseases Università Vita e Salute IRCCS Hospital S. Raffaele - Milan


PDF  


Le lesioni ateromatose alla base dei quadri di ischemia celiaco-mesenterica, talvolta, non interessano esclusivamente le arterie splancniche, ma possono anche coinvolgere la stessa aorta toraco-addominale. In tali casi, in alternativa al bypass, particolare interesse riveste la tecnica di endoarterectomia (EA) aortica e transaortica dei vasi viscerali. In Letteratura, i risultati a lungo termine sono soddisfacienti, in particolar modo in caso di associata EA renale, e sono ridotti i casi di recidiva ischemica probabilmente per la possibilità di una rivascolarizzazione multi-trunculare che questa tecnica secondo molti Autori permetterebbe.
Vengono di seguito riportati un caso di ischemia intestinale acuta ed uno di ischemia intestinale cronica, condizionate da «Coral Reef aortica sovrarenale», trattati con successo mediante EA aortica e transaortica dei vasi viscerali con un follow-up di 6 mesi.
In entrambi i pazienti si è registrato il successo tecnico della procedura chirurgica confermato nel primo caso dall’angiografia e nel secondo dall’AngioRM dell’aorta e dei vasi viscerali eseguite durante il decorso postoperatorio.
Questa esperienza conferma come, nelle rivascolarizzazioni viscerali, la metodica di EA transaortica, in pazienti ben selezionati possa essere una valida alternativa al bypass.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail