Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 June;6(2) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 June;6(2):119-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ITALIAN JOURNAL OF VASCULAR AND ENDOVASCULAR SURGERY

Rivista di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare


Official Journal of the Italian Society of Vascular and Endovascular Surgery
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 June;6(2):119-27

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Trattamento endovascolare degli aneurismi dell’aorta addominale (Confronto tra anestesia loco-regionale e generale)

Parlani G., Barzi F. *, Verzini F., Caporali S., De Rango P., Zannetti S., Maselli A. *, Simoncini F. **, Cao P.

From the Vascular Surgery Unit
* Department of Radiology
** Department of Anaesthesia and Resuscitation
Policlinico Monteluce, Perugia, Italy


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente studio è valutare la fattibilità del trattamento endovascolare degli aneurismi dell’aorta addominale in anestesia loco-regionale.
Metodi. Dal 1 novembre 1996 al 6 giugno 1998 presso l’Unità Operativa di Chirurgia Vascolare di Perugia sono stati eseguiti 91 interventi endovascolari per il trattamento degli aneurismi aortici. La coorte del presente studio è costituita da 81 pazienti tutti trattati con endoprotesi Aneurx, essendo stati esclusi i primi 7 pazienti trattati con endoprotesi di prima generazione e i 3 pazienti sottoposti a conversione al trattamento chirurgico convenzionale. I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi: il gruppo A composto da 41 pazienti trattati in anestesia loco-regionale, con tecnica peridurale ed il gruppo B composto da 40 pazienti trattati in anestesia generale.
Risultati. Il tasso di conversione da anestesia peridurale ad anestesia generale è stato del 9% (4/45 pazienti). Non si sono rilevate differenze statisticamente significative tra i due gruppi per quanto riguarda i dati intraoperatori. Le complicanze maggiori postoperatorie sono risultate più elevate nel gruppo B rispetto al gruppo A: 3 (7,5%) verso 0 (p=0,11), analogo risultato si è avuto per la degenza media postoperatoria (3,4 verso 2,6; p=0,3). Il ricorso alla terapia intensiva postoperatoria è risultato significativamente maggiore nel gruppo B rispetto al gruppo A (5/40 verso 0/40; p=0,02).
Conclusioni. Il trattamento endovascolare degli aneurismi aortici mediante anestesia peridurale risulta fattibile. L’impiego dell’anestesia loco-regionale ha portato ad una riduzione della degenza postoperatoria e del ricorso alla terapia intensiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail